Ragionamento – di Francesco Pastonchi

Mi penso, mi guardo,

considero le mie miserie.

Temo di non esser mai nato,

né io, né gli altri uomini:

fummo fabbricati in serie

da un alchimista bugiardo.

Se io non son messaggero

d’eterno, in questo labil viaggio,

se da te, o Dio, non ebbi quest’anima

da sollevar nel mistero

e mirare la gloria del tuo raggio,

allora io non son che la maschera

di una stolida boria,

e il mondo è un crollato simbolo,

la vita un mentito dono

d’amore, la morte è irrisoria:

allora io non sono

che un fantoccio beffato,

in una solitudine

incomunicabile.

 

Francesco Pastonchi

Pubblicato da Adriano Maini

Scrivo da Bordighera (IM), Liguria di Ponente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.