Quel centro di Ventimiglia!

 

Quel

 

 

Quel

 

Non intendevo proprio tornare presto a parlare e fare vedere vecchie immagini del centro di Ventimiglia (IM). Solo che le riflessioni suscitate in me da diversi commenti, resi altrove, a quel mio recente post sul tema, mi portano a spendere qualche parola in più sull’argomento.

Anzitutto, mi scuso per la non eccelsa qualità della fotografia relativa a quel crocevia com’é oggi, ma la mia fretta di comunicare é su altro.

 

Quel

 

Come si sarà notato, le strutture degli edifici in quella parte della città di confine sono rimaste pressoché immutate.

 

Quel

La volta precedente mi premeva sottolineare, invero, aspetti di civiltà materiale ormai scomparsi, in particolare tram e cavalli. Alcuni di questi sarebbero anche meritevoli di approfondimento. Qui, ad esempio, si possono scorgere automezzi di varie generazioni.

Una cosa curiosa – aggiungo – é la disinvoltura con cui le persone, fidandosi – incoscientemente, perché a mia memoria erano frequenti gli investimenti dei pedoni – dello scarso traffico dell’epoca, anche finita la seconda guerra mondiale, camminavano per le strade.

 

Quel

Valutando questo discorso mi sono accorto che, nel piccolo archivio di cartoline d’epoca che in vario modo – nella presente occasione devo in particolare ringraziare Edoardo Racco – ho realizzato, sussiste una discreta documentazione di altri esempi di vita pratica d’antan, che vorrei in seguito illustrare meglio.

 

Tram, cavalli e …

 

Tram

 

Sì a Ventimiglia (IM) c’era una volta il tram. Se ricordo bene sino all’immediato secondo dopoguerra. Il capolinea era a Bordighera.

 

Tram

Ma le immagini, in questa occasione fornitemi da Enrico Malan, possono suggerire diverse riflessioni e ricordi. Per dire, quest’ultima porta a pensare che ai tempi del Liceo, alla nostra epoca posizionato in un edificio tuttora esistente, ancorché ristrutturato, celato alla sinistra – per chi guarda – di quel mezzo pubblico, non me li immaginavo proprio quei binari là davanti!

 

Tram

 

Si sono già scorti dei cavalli. Eccone altri in Piazza della Stazione Ferroviaria.

 

Tram

Cartoline e fotografie d’antan sono molto divulgate – qui mi ripeto – sui socialnetwork e sui blog.

Vado anche, credo, a reiterare il concetto che anche così si documenta la storia. E per il singolo é logico un maggiore interesse per i luoghi che conosce meglio. O gli evocano maggiori memorie.

 

Tram

Ad esempio, circa cinquant’anni fa quest’angolo di Ventimiglia era più o meno come si vede nell’ultima immagine. Ho fatto in tempo a vederlo. Ho anche scatti di famiglia che lo attestano.

Tanti altri fattori in qualche modo qui evocati, tuttavia, conducono ad altre trame di racconti!